Le due figure ispiratrici dell’Ordine Carmelitano sono la Madre del Signore e S. Elia, singolare profeta dell’AT che la tradizione dell’Ordine considera quale esempio di assoluta fedeltà ai detti del Signore nonché anticipatore di certi atteggiamenti propri della Madre del Signore.

Quanto viene messo in risalto da Elia è appunto l’ascolto e il richiamo che egli fa al popolo in un momento di crisi della fede.

Figura quindi severa anche per noi nel ricordarci che il Signore è un Dio geloso e che l’appartenenza a Lui sancita poi dall’Incarnazione di Cristo è l’unica strada di redenzione.

Sostiamo chiedendo perdono all’inizio di questa Eucaristia.

Omelia: Il Vangelo della Trasfigurazione nella versione che ci offrono tutti gli evangelisti resta indubbiamente un evento fondamentale di Rivelazione che ci fa comprendere come al centro di tutto il disegno di Dio si collocano Cristo e l’uomo. Legge e profeti convergono nel Figlio di Dio che, anche nei suoi comandamenti ed esortazioni, sottolinea come essi siano presenti anche nella tradizione antica, pur con la novità della sua vicenda terrena.

Fra i tanti personaggi dell’AT Mosè ed Elia sono i diretti interlocutori di Gesù che con loro si intrattiene – sottolinea Luca in modo particolare – parlando degli eventi che si sarebbero compiuti a Gerusalemme: eventi pasquali in cui il Figlio di Dio avrebbe patito crocifissione e morte.

Ma c’è un insegnamento un filo rosso che lega queste tre figure e, attraverso Cristo, evidenzia il valore di quelle che appartengono all’AT, ossia l’ascolto e, di conseguenza, il collocarsi al cospetto di Dio. Mosè nelle vicende legate all’esodo e Elia in un momento in cui il popolo sta per cadere nell’eterno peccato di idolatria con forza ripropongono l’unico Dio reso tale anche per l’unica vera salvezza che Egli propone ed è capace di attuare. Una salvezza che se nel NT si chiama passaggio dalla morte alla vita, nell’AT indica il riconoscimento del Dio unico al quale di conseguenza va la fedeltà del popolo in risposta alle promesse di liberazione che Egli fa. Solo questa fedeltà permette di distaccarsi dal peccato e qui è importante come, nella storia della Chiesa, Elia va ad accompagnarsi a quelle figure che sono considerate iniziatrici del monachesimo: Giovanni Battista, Antonio, Macario e Paolo di Tebe. Persone che – a partire dal III e IV secolo – nascono come critica e contestazione verso un cristianesimo ormai politicizzato e che con il loro gesto profetico entrano in quel deserto in cui si va più vivo il dialogo fra l’uomo e Dio.

Elia diviene instancabile araldo e diffusore giungendo anche a gesti clamorosi atti ad indicare come, fuori del Dio dei padri, Israele è perduto. Ma Gesù nel NT dirà ai suoi discepoli: «senza di me non potete far nulla». Prima della venuta di Cristo, Elia è perciò strumento con il quale i Carmelitani interpretano la storia della salvezza e la propria identità profetica. Ma ciò non è altro che il terreno spirituale e culturale tipico della Chiesa primitiva nel quale i Carmelitani si inseriscono.

La testimonianza di Antonio abate narrata dal grande S, Atanasio è una delle prime che incontriamo nello svolgersi del tempo. Scrive Atanasio al capitolo 7 della Vita di Antonio:

«(Antonio) ricordava anche le parole del profeta Elia che dice «È vivente il Signore alla cui presenza io oggi sto» (I Re 17,1). Osserva infatti che dicendo oggi, il profeta non misurava il tempo trascorso, ma come se ogni volta cominciasse la vita ascetica ogni giorno cercava di mostrarsi così come bisogna apparire a Dio, con cuore puro, pronto ad obbedire alla sua volontà e a nessun altro».

Abbiamo perciò l’anticipazione in Elia ed il compimento in Cristo, passando per quell’importante anello di congiunzione che è Giovanni Battista nel quale la tradizione carmelitana ha visto un ulteriore conferma di questa necessità di conversione e di disporsi ad accogliere il vero Messia.

Elia quindi con la forza della Parola che rende comprensibile il disegno che Dio ha sull’uomo si colloca davanti a noi nella sua austerità, ma sempre come uomo aperto ai segni che il Signore usa per farsi intendere.

Sia lui far emergere in noi la totale capacità alla volontà del Signore ricordando come altri artifizi umani e culturali servono a poco se non addirittura a distruggerci.

(A cura di p. Luca Di Girolamo osm)

Newsletter
Privacy Policy

La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei siti Internet, di secondo e terzo livello, di proprietà del Monastero SS.ma Concezione, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che li consultano. carmelitane.org tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003. Ove l'accesso a particolari servizi venga subordinato alla registrazione previa comunicazione di dati personali, viene fornita un'informativa specifica al momento della sottoscrizione dei servizi stessi. L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito. http://www.e-webbest.blogspot.com conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori. I dati inseriti, se non diversamente indicato, non possono essere utilizzati per inviare periodicamente messaggi di posta elettronica contenenti pubblicità, materiale promozionale, iniziative promozionali. I dati personali, raccolti e conservati in banche dati di http://www.e-webbest.blogspot.com, sono trattati da collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a Terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite. carmelitane.org provvede, in conformità con le vigenti disposizioni di legge in materia, alla registrazione dei file di log. Tali dati non consentono un'identificazione dell'utente se non in seguito ad una serie di operazioni di elaborazione e interconnessione, e necessariamente attraverso dati forniti da altri provider. Operazioni che potranno essere effettuate esclusivamente su richiesta delle competenti Autorità Giudiziarie, a ciò autorizzate da espresse disposizioni di legge atte a prevenire e/o reprimere i reati. Sul sito web carmelitane.org, sono utilizzati dei marcatori temporanei (cookie) che permettono di accedere al sito più velocemente. Per cookie si intende il dato informativo, attivo per la durata della connessione, che viene trasmesso da carmelitane.org al computer dell'utente al fine di permettere una rapida identificazione. L'utente può disattivare i cookie modificando le ipostazioni del browser, si avverte che tale disattivazione potrà rallentare o impedire l'accesso a tutto o parte del sito. L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte di carmelitane.org dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali, tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi. Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. carmelitane.org non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo. Il titolare del trattamento dei dati è Monastero SS.ma Concezione, Via Garibaldi, 1, Sutri 01015 (VT) che potrà utilizzare i dati per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi. Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti. Art. 7. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: dell'origine dei dati personali; delle finalità e modalità del trattamento; della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. L'interessato ha diritto di ottenere: l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.