RIFLESSIONI PER IL MESE DI GENNAIO 2015

Epifania dell'Amore: l'esperienza di S. Teresa


INTRODUZIONE


L'incontro con il Figlio di Dio fattosi uomo ed incarnatosi nel grembo di Maria Vergine è per noi oggi “Epifania della Parola” di Colui che è disceso dai cieli per incontrare i suoi fratelli e salvarli.

Il Divino Infante inizia a parlare con la Sua sola Presenza di bambino tra gli uomini che lo cercano, poi si fida di coloro a cui Dio Padre lo ha affidato per manifestarsi a tutta l'umanità che avrà voluto cogliere il Suo messaggio durante l'arco di tutta la sua vita terrena.

Santa Teresa di Gesù nel cammino della storia umana è tra coloro che ha colto l'invito a contemplare il mistero di Dio attraverso la verità delle Scritture che parlano del Suo Signore e, pur riconoscendo le sue incapacità e miserie, ha atteso l'epifania di Gesù, cioè che fosse Lui stesso a rivelarle i misteri dell'unico Dio, che è Padre Nostro.


IN ASCOLTO DELLA PAROLA


Esodo 3, 13-15

Mosè disse a Dio: «Ecco io arrivo dagli Israeliti e dico loro: Il Dio dei vostri padri mi ha mandato a voi. Ma mi diranno: Come si chiama? E io che cosa risponderò loro?».Dio disse a Mosè: «Io sono colui che sono!». Poi disse: «Dirai agli Israeliti: Io-Sono mi ha mandato a voi».Dio aggiunse a Mosè: «Dirai agli Israeliti: Il Signore, il Dio dei vostri padri, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe mi ha mandato a voi. Questo è il mio nome per sempre; questo è il titolo con cui sarò ricordato di generazione in generazione.


Giovanni 17, 3-8


Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo.Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare.E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse.
Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola.Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te,perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato.


Commento 


Mosè sul monte Sinai riceve la grande manifestazione di Dio per poi comunicare al popolo di Israele che il Signore è Colui in cui esso può riconoscere la propria identità. Gesù prefigurato da Mosè nell'Antico Testamento, completa la rivelazione di Dio Padre al suo popolo annunciando la buona notizia: “Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo”.

Gesù dunque è l'epifania dell'amore di Dio nella vita di ciascun uomo che sceglie liberamente di imitarlo e di seguirlo per diventare egli stesso testimone delle “parole” che ha ricevuto dal suo Signore.


DALLE OPERE DI SANTA TERESA DI GESU'

Dalla Vita

Cap. 40,1


Una volta, mentre ero in orazione, sentivo in me una così grande dolcezza che, considerandomi indegna di tal bene, cominciai a pensare quanto avrei meritato piuttosto di stare in quel luogo che avevo visto preparato per me all’inferno, giacché – come ho detto – non dimentico mai la triste situazione in cui allora mi vidi. Con questa considerazione la mia anima andò infiammandosi sempre più e mi venne un tale rapimento che non so descriverlo. Mi sembrò che il mio spirito si riempisse e compenetrasse di quella maestà che avevo veduto altre volte, e in essa compresi una verità che è il compimento di tutte le verità. Non so dire come ciò sia avvenuto, perché non vidi nulla; mi fu detto, senza che vedessi da chi, ma ben comprendendo che era la stessa Verità a parlare: «Non è poco quello che faccio per te, anzi, è una delle grazie per cui tu mi devi molto, perché tutto il male del mondo deriva dal non conoscere chiaramente le verità della sacra Scrittura; di quanto è lì detto non mancherà di avverarsi neanche una virgola». A me pareva di aver sempre creduto così e che così credessero tutti i fedeli. Allora mi disse: «Ahimè, figlia mia, come son pochi quelli che mi amano veramente! Se mi amassero, infatti, io non nasconderei loro i miei segreti. Sai tu che cosa vuol dire amarmi veramente? Comprenderai chiaramente ciò che ora non intendi, dal profitto che ne trarrà la tua anima».


Commento


Santa Teresa ci porta a comprendere con molta semplicità che la manifestazione di Dio nella nostra vita non è un qualcosa che avviene in modo straordinario, ma avviene per effetto di un amore semplice e sincero dato da ciascun'anima al Signore.

Solo ai “piccoli” Dio Padre si è compiaciuto di rivelare i suoi segreti, coloro cioè che con amore disinteressato ed umiltà si avvicinano a Lui ed accolgono i suoi comandamenti.

Due esempi di questa “grande piccolezza” sono la nostra Madre e Patrona la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e Santa Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo, le quali più si riconoscevano “piccole” nel loro percorso terreno e più venivano sollevate alla conoscenza dei divini misteri dalle grandi ali di Dio.


Pensieri sull'amore di Dio cap. 5, 5


Cosa ammirabile e degna di grande considerazione! Quando il Signore vede che un'anima è tutta sua e lo serve senza alcun interesse o motivo personale, ma solo perchè Egli è il suo Dio e lo ama, si comunica a lei incessantemente in molte e diverse maniere, come si conviene a Colui che è la stessa sapienza.


Commento


Le parole di Santa Teresa sono già molto chiare per se stesse e riempino il cuore di speranza, perchè ogni vero discepolo desidera essere unito al suo Signore comunicare ed essere in intimintà con Lui; però è bene fare attenzione a ciò che Teresa dice riguardo al genere di amore e di servizio che Dio apprezza; esso ha una caratteristica ben precisa: deve essere un amore gratuito come quello che Dio ha per noi. L'amore vero poi fa decifrare i segni che Dio ci dà costantemente e si appaga solo di appartenere a Lui e fare la sua volontà, anche quando questa può essere dolorosa.


Cammino di perfezione

cap. 25, 1-2


E perché non crediate che si tragga poco profitto dal pregare vocalmente con perfezione, vi dico che, mentre state recitando il Pater noster o un’altra preghiera vocale, può darsi benissimo che il Signore vi elevi a contemplazione perfetta. Sua Maestà fa vedere così che ascolta chi gli parla e gli rivela la sua grandezza sospendendogli l’intelletto, arrestandogli l’immaginazione, fermandogli – come si dice – le parole in bocca in modo che, anche se vuole, non può parlare se non a prezzo di grandi sforzi.


Commento


Santa Teresa in questo passo ci indica quanto la preghiera del Padre Nostro sia l'insegnamento più grande che Gesù ha lasciato ai suoi discepoli per comunicare con Dio Padre. La preghiera con cui Gesù ha pregato, dunque, è luogo di manifestazione dell'incontro con Dio, edificata sulla lode al Padre e sulla richiesta di grazia ed perdono a Colui che ascolta incessantemente i propri figli in tutti i loro bisogni e necessità. La contemplazione per S. Teresa è esperienza di dialogo semplice tra il Padre ed il Figlio e di ogni “figlio nel Figlio di Dio” senza abbondanza di parole e di attività troppo condizionate dalle potenze umane.


Domande

  • Accolgo il Signore che si manifesta con la sua Parola nella mia vita?

  • Mi lascio guidare dallo Spirito Santo come presenza di Dio in me?

  • Accolgo la volontà di Dio su di me per unire la mia anima alla sua?

  • Come rispondo ai comandamenti di Dio Padre?

  • L'esperienza di essere amato/a da Dio la manifesto nell'amore al prossimo?


PREGHIERA


CANTICO Cfr. 1 Tm 3,16


Popoli tutti, lodate il Signore.

Egli si manifestò nella carne, 
fu giustificato nello spirito.

Popoli tutti, lodate il Signore.

Apparve agli Angeli 
fu annunziato ai pagani.


Popoli tutti, lodate il Signore.

Fu creduto nel mondo, 
fu assunto nella gloria.

Popoli tutti, lodate il Signore.

Gloria al Padre e al Figlio 
e allo Spirito Santo.

Popoli tutti, lodate il Signore.


Come era nel principio, e ora e sempre, 
nei secoli dei secoli. Amen.

Popoli tutti, lodate il Signore.

Newsletter
Privacy Policy

La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei siti Internet, di secondo e terzo livello, di proprietà del Monastero SS.ma Concezione, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che li consultano. carmelitane.org tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003. Ove l'accesso a particolari servizi venga subordinato alla registrazione previa comunicazione di dati personali, viene fornita un'informativa specifica al momento della sottoscrizione dei servizi stessi. L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito. http://www.e-webbest.blogspot.com conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori. I dati inseriti, se non diversamente indicato, non possono essere utilizzati per inviare periodicamente messaggi di posta elettronica contenenti pubblicità, materiale promozionale, iniziative promozionali. I dati personali, raccolti e conservati in banche dati di http://www.e-webbest.blogspot.com, sono trattati da collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a Terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite. carmelitane.org provvede, in conformità con le vigenti disposizioni di legge in materia, alla registrazione dei file di log. Tali dati non consentono un'identificazione dell'utente se non in seguito ad una serie di operazioni di elaborazione e interconnessione, e necessariamente attraverso dati forniti da altri provider. Operazioni che potranno essere effettuate esclusivamente su richiesta delle competenti Autorità Giudiziarie, a ciò autorizzate da espresse disposizioni di legge atte a prevenire e/o reprimere i reati. Sul sito web carmelitane.org, sono utilizzati dei marcatori temporanei (cookie) che permettono di accedere al sito più velocemente. Per cookie si intende il dato informativo, attivo per la durata della connessione, che viene trasmesso da carmelitane.org al computer dell'utente al fine di permettere una rapida identificazione. L'utente può disattivare i cookie modificando le ipostazioni del browser, si avverte che tale disattivazione potrà rallentare o impedire l'accesso a tutto o parte del sito. L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte di carmelitane.org dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali, tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi. Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. carmelitane.org non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo. Il titolare del trattamento dei dati è Monastero SS.ma Concezione, Via Garibaldi, 1, Sutri 01015 (VT) che potrà utilizzare i dati per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi. Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti. Art. 7. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: dell'origine dei dati personali; delle finalità e modalità del trattamento; della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. L'interessato ha diritto di ottenere: l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.