RIFLESSIONI PER IL MESE DI FEBBRAIO 2015


La vita in Cristo di S. Teresa


Introduzione


Per introdurre l'argomento di riflessione “proposto” dalla nostra cara S.Teresa, ci lasciamo guidare dalle parole che S.Paolo rivolge ai Filippesi, invitandoli a raccogliere in se stessi quelle scintille di consolazione in Cristo, di conforto nella carità, perché possano aspirare e raggiungere l'unione piena dei loro spiriti...nella generosità, nella gratuità, nell'umiltà insegnate da Cristo. Lui è il modello di vita, Lui è la Vita: conformarci a Lui significa vivere la vita vera. Ogni battezzato, appartenente a Cristo, in virtù della grazia battesimale è messo in grado di procedere in questo cammino di conformazione: tanto più il consacrato che rinnova con l'impegno dei voti la grazia sacramentale del battesimo e segue in modo speciale i consigli evangelici per vivere la povertà, la castità e l'obbedienza come Cristo stesso ha fatto. Egli “assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini... umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce”. Non è una morte fine a se stessa, ma la condizione per conquistarci definitivamente la salvezza nel suo nome, “che è al di sopra di ogni altro nome”. Il consacrato, particolarmente attento alla voce di Dio ed in questo profeta che la testimonia visibilmente con la sua vita vissuta in mezzo al popolo e fortemente orientata alla condizione futura e definitiva in Dio di tutte le creature, aspira ad incarnare la Parola che esorta ad essere “irreprensibili e semplici, figli di Dio immacolati in mezzo a una generazione perversa e degenere”, “astri nel mondo, tenendo alta la parola di vita”. Come profeti che stimolano al ritorno in Patria, cominciamo il nostro piccolo pellegrinaggio tra le Sacre pagine della Scrittura e del vissuto dei Santi...


In ascolto della Parola


Geremia 1, 4-5


4 Mi fu rivolta la parola del Signore:
5 «Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato; ti ho stabilito profeta delle nazioni».

Giovanni 17, 17-19


Consacrali nella verità. La tua parola è verità.18 Come tu mi hai mandato nel mondo, anch'io li ho mandati nel mondo;19 per loro io consacro me stesso, perché siano anch'essi consacrati nella verità.


Commento


Geremia è stato scelto dal Signore per compiere la missione di profeta. Questa è stata anche l'esperienza di tanti santi, ciascuno secondo la missione che Dio gli ha affidato e quindi anche l'esperienza di Santa Teresa. L'iniziativa è di Dio, all'uomo spetta solo rispondere e aprirsi all'accoglienza del dono per aderire al progetto di Dio e compiere la propria missione. Questa è anche l'esperienza di ogni battezzato, di ogni consacrato. Gesù nelle sua preghiera al Padre affida a Lui tutti coloro che lo seguono.

I consacrati sono messi da parte per Dio” ( Cfr, nota Gv. 17,17 della Bibbia di Gerusalemme )

I cristiani sono il popolo santo chiamato per mezzo della consacrazione del Battesimo a una vita pura che li rende santi come Dio”. ( Cfr. nota Atti 9,13 della Bibbia di Gerusalemme )


DALLE OPERE DI SANTA TERESA DI GESU'


Dalla vita

Cap. 4, 1-2


1. […] Ricordo bene, a dire il vero, che quando uscii dalla casa di mio padre, provai tanto dolore che non credo di sentirlo maggiore in punto di morte: mi sembrava che tutte le ossa mi si slogassero perché, non avendo ancora raggiunto un amor di Dio capace di rimuovermi dall’amore del padre e dei parenti, dovevo far solo ricorso a una forza così grande che, se il Signore non mi avesse aiutato, le mie considerazioni non sarebbero bastate a farmi andare avanti. In quel momento egli mi diede forza per vincere me stessa in modo che potei realizzare il mio progetto.

2. Quando vestii l’abito, subito il Signore mi fece capire quanto favorisca coloro che si fanno forza per servirlo. Nessuno, però, sospettava tanta lotta in me, in cui si vedeva solo una incrollabile risoluzione. Subito fui così felice d’aver abbracciato la vita monastica, che tale gioia non mi è mai venuta meno fino ad oggi, perché Dio cambiò l’aridità della mia anima in grandissima tenerezza. Mi davano molta gioia tutte le pratiche della vita religiosa; è bensì vero che a volte mi accadeva di spazzare in ore che prima ero solita occupare nel fare sfoggio di ornamenti, ma appunto ricordandomi che ero ormai libera da tutto ciò, provavo una gioia sconosciuta tale che me ne stupivo e non riuscivo a capire da dove provenisse. Quando ripenso a questo, non c’è cosa che mi si possa presentare, per quanto difficile sia, che esiterei ad affrontare.


Commento


Santa Teresa ci mostra come l'amore di Dio sia al di sopra di ogni amore umano e come Dio attiri a sé la creatura rispettando i suoi tempi di maturazione. Quando il sigillo della vocazione è inciso nell'anima di chi è chiamato alla consacrazione, non si ha paura di rispondere; la risposta è spontanea, poiché Dio non violenta la nostra natura, al contrario, la vuole elevare all'altezza del Suo grande amore per renderci come Lui, farci un tutt'uno con Lui e servire solo Lui. Servire Cristo è amarlo, è rendergli il più bell'atto d'amore come ha fatto la Vergine Maria, la quale ha speso tutta la Sua esistenza per Dio, rimanendo fedele alla risposta data all'angelo: “Ecco la serva del Signore si faccia per me secondo la tua parola”. E' la Parola di Dio infatti il luogo privilegiato di incontro fra Dio e la creatura consacrata.


Pensieri sull'amore di Dio

Cap. 2, 5


Forse che una persona viva non sente la più piccola puntura anche se fattale con uno spillo o una spina? Non è quindi una grande grazia quella che Dio fa all'anima se questa, non morta ma viva nell'amore di Lui, sente la più leggera mancanza contro la propria professione e i propri doveri? Ah! Quando Dio dà a un'anima questa attenzione, è impossibile che presto o tardi non vi scenda a deliziarsi. Ah, Signore, che facciamo noi in convento? Perché abbiamo abbandonato il mondo? In che altro possiamo meglio occuparci se non in preparare nelle anime nostre una dimora per il nostro Sposo ed affrettare il tempo di potergli chiedere il bacio della sua bocca? Felice l'anima che gli rivolgerà questa domanda e che all'arrivo del Signore non si farà trovare con la lampada spenta, né che mai si sarà allontanata, stanca di averlo invano chiamato! Oh, come è bello il nostro stato, figliole mie! No, nessuno ci può impedire di rivolgere questa domanda al nostro Sposo, poiché tale l'abbiamo scelto nel fare la nostra professione. L'impedimento non può venire che da noi.


Commento


Santa Teresa elogia lo stato della vita religiosa e sottolinea anche che essa è talmente bella e sicura che se si incontrano impedimenti, ebbene, essi sono da imputarsi solo alle spose e non certamente allo Sposo che in ogni modo le favorisce nel cammino di santità. La Santa invita ogni anima, ma specialmente le anime consacrate a non rilassarsi, a non considerare mai cosa da nulla il peccato, anche se veniale. Esso infatti addormenta la coscienza e non le permette di ricevere il bacio del suo Sposo che la fa santa.


Cammino di perfezione


3. Coloro che amano veramente Dio, amano tutto ciò che è buono, desiderano tutto ciò che è buono, lodano tutto ciò che è buono, si uniscono sempre ai buoni, li aiutano e li difendono; non amano che la verità e ciò che è degno d’essere amato. Pensate che sia possibile, per chi ama veramente Dio, amare cose vane? Su di lui non hanno alcun potere le ricchezze, i piaceri del mondo, gli onori. Non conosce né contese né invidie. Tutto perché non vuole altro se non accontentare l’Amato. Muore dal desiderio d’esserne riamato; pertanto fa consistere la sua vita nel cercare il modo di riuscirgli più gradito. Potrà mai nascondersi tale amore? Oh, l’amore di Dio – se è veramente amore – non si può nascondere! Se non mi credete, guardate san Paolo e la Maddalena: il primo, cioè san Paolo, in tre giorni cominciò a dimostrare d’essere malato d’amore; la Maddalena fin dal primo giorno. E com’era evidente il loro amore! È vero che può essere maggiore o minore, pertanto si rivela in proporzione della sua forza: molto, se è grande; poco, se è piccola, ma poco o molto, se è amore di Dio, si riconosce sempre.


Commento


Santa Teresa indica qual è l'unico fine della vita della persona consacrata cioè quello di contentare Gesù l' Amato. Dunque, il consacrato è chiamato a ricambiare l'amore di Dio amando, volendo e lodando tutto ciò che è buono con l'ardente desiderio che anche i fratelli conoscano Colui che è Padre di tutti. E' importante che i consacrati siano testimoni dell'amore di Dio per loro affinché la grazia divina li renda il sale della terra o il lievito che fa fermentare il “Pane Eucaristico” di Gesù.


Domande


  • Che valore ha ai miei occhi la vita consacrata a Dio?

  • Quale posto occupo nel corpo della Chiesa?

  • C'è stato un momento nella mia vita in cui mi sono sentito chiamato a vivere la vita cristiana in modo più serio ed impegnato?

  • In che misura mi affido a Dio nei momenti di difficoltà a discernere il mio posto nella Chiesa, secondo la volontà di Dio?


Preghiera


Liete parole mi sgorgano dal cuore:
io proclamo al re il mio poema,
la mia lingua è come stilo di scriba veloce.

Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo,
sulle tue labbra è diffusa la grazia,
perciò Dio ti ha benedetto per sempre.

O prode, cingiti al fianco la spada,
tua gloria e tuo vanto,
e avanza trionfante.

Cavalca per la causa della verità,
della mitezza e della giustizia.
La tua destra ti mostri prodigi.
Le tue frecce sono acute
sotto di te cadono i popoli,
colpiscono al cuore i nemici del re.

Il tuo trono, o Dio, dura per sempre;
scettro di rettitudine è il tuo scettro regale.

Ami la giustizia e la malvagità detesti:
Dio, il tuo Dio, ti ha consacrato
con olio di letizia, a preferenza dei tuoi compagni.

Di mirra, àloe e cassia
profumano tutte le tue vesti;
da palazzi d'avorio ti rallegri
il suono di strumenti a corda.

Figlie di re fra le tue predilette;
alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir.

Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio:
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;

il re è invaghito della tua bellezza.
È lui il tuo signore: rendigli omaggio.

Gli abitanti di Tiro portano doni,
i più ricchi del popolo cercano il tuo favore.

Entra la figlia del re: è tutta splendore,
tessuto d'oro è il suo vestito.

È condotta al re in broccati preziosi;
dietro a lei le vergini, sue compagne,
a te sono presentate;

condotte in gioia ed esultanza,
sono presentate nel palazzo del re.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli;
li farai principi di tutta la terra.

Il tuo nome voglio far ricordare per tutte le generazioni;
così i popoli ti loderanno in eterno, per sempre.



Newsletter
Privacy Policy

La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei siti Internet, di secondo e terzo livello, di proprietà del Monastero SS.ma Concezione, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che li consultano. carmelitane.org tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003. Ove l'accesso a particolari servizi venga subordinato alla registrazione previa comunicazione di dati personali, viene fornita un'informativa specifica al momento della sottoscrizione dei servizi stessi. L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito. http://www.e-webbest.blogspot.com conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori. I dati inseriti, se non diversamente indicato, non possono essere utilizzati per inviare periodicamente messaggi di posta elettronica contenenti pubblicità, materiale promozionale, iniziative promozionali. I dati personali, raccolti e conservati in banche dati di http://www.e-webbest.blogspot.com, sono trattati da collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a Terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite. carmelitane.org provvede, in conformità con le vigenti disposizioni di legge in materia, alla registrazione dei file di log. Tali dati non consentono un'identificazione dell'utente se non in seguito ad una serie di operazioni di elaborazione e interconnessione, e necessariamente attraverso dati forniti da altri provider. Operazioni che potranno essere effettuate esclusivamente su richiesta delle competenti Autorità Giudiziarie, a ciò autorizzate da espresse disposizioni di legge atte a prevenire e/o reprimere i reati. Sul sito web carmelitane.org, sono utilizzati dei marcatori temporanei (cookie) che permettono di accedere al sito più velocemente. Per cookie si intende il dato informativo, attivo per la durata della connessione, che viene trasmesso da carmelitane.org al computer dell'utente al fine di permettere una rapida identificazione. L'utente può disattivare i cookie modificando le ipostazioni del browser, si avverte che tale disattivazione potrà rallentare o impedire l'accesso a tutto o parte del sito. L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte di carmelitane.org dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali, tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi. Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. carmelitane.org non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo. Il titolare del trattamento dei dati è Monastero SS.ma Concezione, Via Garibaldi, 1, Sutri 01015 (VT) che potrà utilizzare i dati per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi. Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti. Art. 7. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: dell'origine dei dati personali; delle finalità e modalità del trattamento; della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. L'interessato ha diritto di ottenere: l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.